questa bella d’erbe famiglia e d’animali… Foto di A. Ledda

IMG_0939    DSCN3360

Cavallo…

DSCN3359    DSCN4116

Insetti…

DSCN0239   DSCN3163 - Copia

DSCN3969   DSCN3332 - Copia

Falchetto e passero…

DSCN2927  DSCN3250 - Copia

Tortore…

DSCN3687  DSCN3940

Gabbiani…

DSCN3083  DSCN3730

Fenicotteri…

DSCN3748 - Copia  DSCN3733

Lucertole…

DSCN3149   DSCN3152 - Copia

Gatto… mimetizzato

DSCN3308 - Copia   DSCN3590

Pio bove… e famiglia

DSCN2843  DSCN3933

DSCN2874   fotovarie 020

Capre… audaci e a riposo

DSCN3875  DSCN3876

DSCN3977  DSCN3978DSCN3106

 

 

 

 

 

Gallura – Luogosanto

Luogosanto Luogosanto Visto da San Trano Luogosanto - i fiori di AnnaDirezione Arzachena e poi Palau diretti a Luogosanto nel cuore della Gallura. Il carburante per la Torpedo Blu si acquista meglio allontanandosi dalle immediate vicinanze degli sbarchi. La strada è un nastro grigio nel verde, le nuvole nascondono il sole e i colori si saturano e diventano brillanti. Senza incontrare più nessuno entriamo in paese con le anime ancora stropicciate. Un plateatico circondato di oleandri e senza musica cigolante diventa il porto sicuro. Due Ichnusa alleggeriscono la tensione. Proprio accanto, quasi in sordina, troviamo un piccolo supermarket dove in poco tempo completiamo gli approvvigionamenti per la cucina.

Wunderkammer
Una nota poetica eccheggia in un negozio di casalinghi poco distante dal parcheggio della Torpedo Blu. Le vetrine mostrano scatole avvolte da piccole conchiglie maculate, lisce, brillanti, contorte e bianche, biancheria varia, grembiuli, torce, piatti e filati per l’uncinetto. Un tuffo in questo piccolo mondo e scivoliamo fuori dal paese diretti al chilometro 23. Un cancello, una salita candida e ripida… ormai pronti per i primi contatti con le pratiche per il soggiorno: cauzione, registrazione, usi e costumi della casa e per assaporare la bellezza dello stazzo dove soggiorneremo.

Lo stazzo.
Avvolti dalle sue spesse mura in parte intonacate in parte libere, respiriamo l’aria e la luce che entrano dalle numerose finestre. Il giardino fa a gara con le colline e le rocce nella sua non artificiale armonia. Piccoli tocchi raccontano un grande amore per quel luogo e per l’ospitalità che è divenuta passione. Le piante da vivaio condividono la terra con le erbe spontanee, salvia e menta profumano e circondano pietre ora rosee ora grigie. Un falco pellegrino nel caratteristico atteggiamento di caccia si libra fermo nell’aria grazie a piccoli movimenti delle ali e non a caso il suo nome sardo è su spiritu santu.

All’interno un vasetto di menta, una bottiglia di Cabernet locale e un piccolo cesto con le uova della vicina disposte tra foglie di mirto e di fico sono un benvenuto ulteriore.